Riflessioni per il futuro prossimo dell’Europa

europa 1060x424

 

Stefano Cozzagliodi Stefano Cozzaglio

A più di due anni dalla data considerata come inizio della cosiddetta “pandemia” dovuta al Covid 19, mi pare opportuno fare un ripensamento su ciò che nella nostra vita è stato cambiato o siamo stati costretti a modificare per potere valutare correttamente tutta quella serie di alterazioni che si sono verificate nostro malgrado

Innanzitutto dobbiamo cercare di vedere come i diversi argomenti dei quali si è voluto dare una nuova visione, siano tra di loro indissolubilmente legati. Infatti se noi vogliamo prendere delle decisioni diverse per ogni caso rischiamo di sbagliare, perché così facendo perdiamo la visione d’insieme che pure era stata con precisione studiata anticipatamente.

covid mani soldi c imagoeconomica da antimafia duemila1406194Con il denaro infiltrato ad ogni livello è stato possibile modificare ed influenzare la pubblica opinione tramite la corruzione dei principali attori. Esempi di come questo metodo venga applicato e possa stravolgere anche convinzioni consolidate ci è stato dato dalla propaganda attuata in molti campi, dalla sanità , alla politica, alla riduzione delle libertà personali, alla religione , all’economia, alla guerra.

Si sta cercando di fare accettare una modalità di vita standardizzata, governata da protocolli e sottomessa ad una serie di obblighi esterni non criticabili.

Esempi chiarificatori sono l’accresciuta importanza attribuita agli organismi di controllo come gli ordini professionali che hanno spostato la loro attenzione dalla regolazione dei rapporti tra i privati cittadini ed i professionisti a quello dell’ imposizione dei comandi della pubblica amministrazione a tutti gli iscritti. Gli esempi dei sanitari, dei militari e della classe degli insegnanti a proposito delle vaccinazioni sono stati illuminanti.

vaccini soldati da padova oggi2

Le classi di lavoratori maggiormente colpite in questo frangente sono ovviamente quelle che avevano sviluppato un maggiore senso di autonomia come i liberi professionisti o anche avevano formato un sistema di gestione sindacale del lavoro più indipendente dai diktat di un governo ricattato dalla finanza.

Il principale vantaggio che ci può derivare da questi cambiamenti è stata la nascita di un senso di dubbio verso ogni nuova affermazione che ci arriva tramite i mezzi di comunicazione tradizionali. A riprova di questa affermazione porto l’esigenza che i governanti hanno dovuto imporre per legge di tutta una serie di obblighi come quello vaccinale che sono stati accettati solo sotto il ricatto di perdere il lavoro.Gp da malattie rare

La ricerca continua di una nuova situazione di crisi è diventata la necessità obbligatoria per ogni nuovo governo che si regge ormai solo per la presenza di un continuo stato di allerta. Si è passati dal settore sanitario a quello ecologico, a quello delle materie prime, ma ben presto grazie a questo stato di guerra nel quale ci hanno trascinato anche a quello economico. Gli effetti sono devastanti sulla popolazione che priva di guida si abbandona esclusivamente ai giudizi ed alle indicazioni della propaganda senza alcuna valutazione critica . I guasti provocati sulla socialità delle persone e soprattutto dei ragazzi in età scolare sono stati enormi. Il distanziamento coatto, l’utilizzo dell’informatica al posto del rapporto personale nell’insegnamento, l’obbligo delle mascherine stanno distruggendo qualsiasi desiderio di rapporto diretto tra le persone. Ed in questo mondo di larve non trova certamente spazio l’entusiasmo che dovrebbe accompagnare ogni nuova iniziativa di tipo sociale

Il caso della valutazione della guerra Ucraina – Russia è lampante: esistono solo le articolazioni dei fatti guidate dalla propaganda delle due fazioni. A questo proposito sarebbe importante chiarire che la Nato sta fornendo armi all’Ucraina che fino a pochi anni fa era la quarta nazione al mondo per la costruzione e la vendita di questi prodotti seconda solo all’ USA, alla Cina Comunista ed alla Russia. Intanto l’unione europea nel convincimento di essere un gruppo di paesi coesi si lega militarmente ad altri stati ( Finlandia e Svezia ) senza rendersi conto che tra i suoi stessi membri si stanno aprendo palesi fratture come si evidenzia con la notizia della creazione in Lituania di campi di concentramento per i profughi ucraini in fuga dalla guerra.

Altri segni di malessere della popolazione si notano in Francia ed in Inghilterra dove i rispettivi presidenti del consiglio si sono trovati in minoranza quando non hanno addirittura dovuto dare le dimissioni tanto la loro linea di governo era poco accetta alla popolazione. Anche in Giappone cishinzo abe da agenzia nova sono stati problemi che si sono materializzati poi nell’uccisione dell’ex premier Abe (a dx) mentre in Usa Biden continua a perdere i consensi dei suoi elettori. Dietro a tutti questi avvenimenti bisogna però sapere che si palesano , ora in maniera esplicita, i due grossi intendimenti presenti nella politica estera statunitense. Il primo ritiene che per mantenere la posizione di potere attuale gli Stati Uniti debbano allearsi con la Russia in funzione anti cinese ( Kissinger ), la seconda invece ritiene la Russia il male assoluto e si vorrebbe portare verso la Cina ( Biden ).

L’ Europa come colonia statunitense fa parte di questo schieramento che però sta soffrendo per l’andamento della guerra e la carenza di materie prime acuita dall’uso inefficace delle sanzioni.

mario draghi da roma daily newsDraghi sta soffrendo proprio per la sua adesione a questo schieramento. Come si possa risolvere questo conflitto interno non ci è dato sapere , ma sicuramente ne scaturirà una lotta senza esclusione di colpi. Forti incertezze sono anche legate ai molti altri stati che attualmente non sono allineati e che devono trovare una loro collocazione ( Brasile, Sud America, Africa, Medio Oriente, Giappone, India, repubbliche centro asiatiche, Australia, Estremo Oriente e molti altri ).

Se poi ci si spinge nel futuribile qualcuno ha anche ventilato l’ipotesi di un’occupazione russa dell’Alaska a compensazione di quella Nato dell’Ucraina, misura che, anche se di difficile attuazione, potrebbe diventare un interessante merce di scambio per le eventuali trattative in caso di tregua.

Alaska russia America da Sakeritalia

30.07.2022

 

Immagini da: Roma Daily News, Antimafia duemila, Padova Oggi, Malattie Rare, Scuola Europa, Agenzia Nova