Riflessioni senza Tempo

Antiche Civiltà alla Madre Pietra il Giorno Dopo

Locandina Papyrus articolo post evento

 

Entusiasti  della giornata del 22 luglio alla "Madre Pietra"

Un susseguirsi di input e riflessioni sulla nuova visione del Mondo, sia alla luce delle attuali  scoperte scientifiche dell fisica quantistica sia alla luce del nostro progressivo risveglio in sinergia con il recente  passo vibrazionale della TERRA  e del COSMO

Del resto, lo stesso Nicola Tesla, asseriva,  in uno dei suoi aforismi che se si vuol  comprendere i segreti dell'Universo bisogna pensare in termini di Energia,Vibrazioni e Frequenze

Noi tutti stiamo reagendo  modificandoci  sotto l’influsso delle nuove vibrazioni ed in primis ciò che si trasforma è il nostro pensiero che smette di radicarsi nei concetti che ci hanno insegnato per aprirsi ed accogliere il nuovo che arriva

Carmine con il ricco elaborato sull’UOMO  MULTIDIMENSIONALE IN ARMONIA CON IL TUTTO  ha  evidenziato  la forte connessione tra le varie culture e scienze antiche come quella dei VEDA e le attuali scoperte , quindi il risultato è: Non c’è niente da scoprire ma solo da “ri-scoprire”

Anelia ha proseguito con la tecnica del ThetaHealing sia in termini di concetti che di esperienza.

Attraverso una meditazione guidata  ci ha accompagnati   in un viaggio verso il nostro interno profondo nel cui punto più buio si “squarcia”  la luce ed è in quell’istante che è possibile sentire  la connessione con il Tutto!

La giornata si è conclusa in compagnia di Soraya Ayub e Giorgio Pattera, entrambi ci hanno portato le proprie riflessioni sul tema della Nuova Umanità, nello specifico Soraya ha condiviso il proprio vissuto  in merito al processo di evoluzione coscienziale a cui la nostra  società  si sta attingendo …

Lei dice che non sarà per tutti  anche se molte persone sono alla ricerca  di un significato più profondo della VITA,  lei stessa ha sottolineato il suo percorso, anche sofferto,  per giungere a questa  nuova visione.

Molto  importante nel suo cammino  spirituale  il lavoro che ha fatto e sta facendo con AKAKOR GEOGRAPHICAL EXPLORING, l’Associazione che l’ha portata in tanti luoghi del nostro Pianeta e dove ha potuto incontrare  le tracce di varie civiltà molto evolute  che  nei tempi antichi hanno abitato la Terra.

Con il temine antico non intendiamo necessariamente esprimere il concetto di passato  in quanto nella odierna  visione della Fisica  si teorizza la realtà come atemporale e in questa chiave di lettura  siamo di fronte ad un Universo irriconoscibile dove le cose non sono ma accadono, a questo punto sarebbe più congruo dire civiltà che si sono  materializzate  nello  specifico piano dimensionale  Terrestre.

Soraya ci ha infatti accennato di aver visto nei luoghi visitati, particolari costruzioni che potrebbero configurasi come potenziali portali dimensionali 

Il nostro Universo appare quindi  una realtà dove nulla è permanente e tutto muta in continuazione attraverso un turbine metamorfico su molteplici piani diversi.

 

Laura Groppi