La via Italiana alla Futura Energia

La Futura Energia preview

 

Nella giornata del 30 Giugno 2017 presso "La Casa dell'Aviatore" il Circolo Ufficiali dell'Aeronautica Militare Italiana, si è tenuta la Conferenza "La Via Italiana alla Futura Energia", un'importante appuntamento TUTTO made in Italy sulle Energie pulite a disposizione dell'Umanità

In questa pagina, ospitiamo molto volentieri le estremamente dettagliate a talvolta "sapide" impressioni del libero ricercatore Riccardo Tonelli di Comunità Energetica, che ha partecipato al simposio romanoriccardo tonelli 213x300 al quale rinnoviamo un affettuoso GRAZIE per averci ospitati lo scorso 28 Gennaio a San Lazzaro di Savena in occasione della conferenza Tesla un Genio Sconosciuto

 

A piè pagina il Video delle Interviste ai Relatori e gli Atti del Convegno

 

di Riccardo Tonelli

Cominciando dal fatto che la conferenza si è svolta presso la Casa dell'Aviatore a Roma proprio al confine con l'Aeronautica Militare, questo mi ha colpito, perchè se c'è una cosa che i militari di solito non fanno è perdere energie in cose inutili, per cui la mia convinzione che queste tecnologie siano mature è iniziata subito bene.

Quello a cui ingenuamente non ero preparato invece era la quantità di pro-nuclearisti presenti, anche se come ho detto ad alcuni la cosa mi ha fatto più sorridere che altro. Infatti l'introduzione è stata fatta dal Generale dell’Aeronautica Antonio Antolini, il quale dicendo quanto fossero "dannati" i referendum sul nucleare per colpa dei quali l'Italia è ancora dipendente dall'energia acquistata all'estero (di notte), ha ammesso implicitamente che è grazie a questo blocco che in Italia c'è stata una spinta ad energie pulite e in particolare allo studio sul alternative come le Lenr, a tal punto che siamo il Paese più avanti al mondo in questi studi.

Ovviamente il Generale ha stroncato le rinnovabili (non ha voluto o saputo dire che grazie a questa energia finalmente il nostro paese in certi periodi, tra l'altro di maggior richiesta di energia è diventato esportatore...). E si è lamentato del fatto che, se la politica non vuole, l'esercito non può spendere soldi in armamenti, spero in riferimento a questi esperimenti e non alle armi...

Subito dopo c'è stata la relazione introduttiva dell'Ing. Ugo Abundu di Open Power che ha organizzato l'evento che ha spiegato il fine con una relazione introduttiva e cioè lo scambio di conoscenze su questi effetti per dare ancora più spinta alla ricerca e citando Giuliano Preparata ed Emilio Del Giudice (un mito) come pionieri ha detto poi che la Deninno sarebbe mancata.

Meno male sentire uno così, infatti penso che siano delle belle finalità, la condivisione è sempre una bella cosa e il fatto che pur avendo fatto un brevetto del reattore Hydrobetatron come scuola superiore (Istituto Tecnico L.Pirelli di Roma) sia stato donato al Ministero della Scuola e molte delle basi (il reattore Athanor) siano open source è veramente un passo avanti !

Ha ammesso che su queste tecniche si è ancora in una fase dove la comunità scientifica è divisa e che è grazie a studi come quello sulla Localizzazione dell'energia di Brian Ahern del M.I.T. se c'è sempre più credibilità.

 

Il moderatore, un giornalista economico di nome Vitangeli Giorgio anche lui nuclearista, si sentiva poco e oltre a moderare, ha parlato dell'importanza di queste tecnologie per l'economia. 

 

Fausto Capalbo presidente dei Giornalisti del settore Aereospazio e consigliere del Consiglio dei Ministri e Presidente del ICEPS (Istituto per la Cooperazione Economica Internazionale e i Problemi dello Sviluppo), fa piacere che abbia detto che a lungo sia stato fatto torto a molti dei Fisici Italiani.

Ha detto che la prossima finanziaria "dovrebbe" prevedere disponibili risorse per ridurre i rifiuti radioattivi (Cardone dirà che i soldi ci sono già da anni trattenuti nella bolletta dell’Enel). Rifiuti radioattivi della vecchia industria nucleare e quelli nuovi provenienti dalla medicina nucleare.

Ci sono problemi per gestire questi fondi e sbloccarli, la Sogin (Società Gestione Impianti Nucleari) è la società che ha in carico la cosa.

Anticipa che gli esperimenti di Cardone sulle reazioni piezonucleari potrebbero dare una risposta definitiva a questi problemi. (Presentazione di Cardone)

In sostanza mentre il Ferro emette neutroni ma non raggi alfa, beta e gamma, il Torio ha Mutazioni che aumentano la velocità di decadimento radioattivo di circa 10 mila volte e cioè il tempo di dimezzamento del Torio passa da 1 anno a soli 90 minuti di trattamento.

Quindi la possibilità di trasformare sostanze radioattive in inerti attraverso l'applicazione di frequenze ultrasoniche.

Per passare dalle quantità sperimentali fatte sino ad ora a quelle industriali, ci vogliono degli investimenti, ma certamente un successo su questo fronte potrebbe portare a finanziamenti sostanziosi.

A tal proposito 1 anno fa il parlamento Americano con Obama (appena prima di Trump) ha stabilito di investire il necessario per ottenere il primato su queste ricerche, che ora è dell'Italia !

 

Parla poi Giuseppe Qualtieri che ha pubblicato un libro sull'Inganno dell'energia fossile, che detto così sembrerebbe Transizionista se non fosse che anche lui è pro-nucleare, dice che l'energia nucleare nel mondo è quella su cui si sta investendo di più.... I miei dati sono diversi, però ha ragione quando dice "il popolo ha una paura enorme...." ti credo basta un incidente per fare danno per migliaia di anni e centinaia di generazioni... sai com'è....

Dice che l'effetto referendum è terminato nel 2016 (quindi vogliono ricominciare.... Maledetten Nuclearisten... nda) spero che gli sforzi si indirizzino solo nella direzione di queste nuove possibilità, magari cercando di capire se non abbiano qualche cosa di dannoso.

Parla insieme a degli interventi di Cardone stesso degli ultrasuoni anche lui dicendo che nel 92 hanno iniziato gli USA per generare pressioni nanoscopiche a livello nucleare.

In effetti dal libro di Cardone "La Futura Energia", ho capito che per fare detonare gli ordigni si usa proprio un metodo in cui si genera un enorme pressione su Uranio o Plutonio, grezzamente con la dinamite tutta intorno al materiale radioattivo, per cui con gli ultrasuoni si pensava inizialmente di ottenere gli stessi risultati ma con meno sforzo ed energia e in modo più controllato, ma le cose sono andate diversamente e negli USA si sono un po' arenati.

Così poi nel 2004 con l'accordo quadro tra Ministero della Difesa e quello della Ricerca, si sono avuti i laboratori e alcuni finanziamenti per iniziare (nel 2005)

Si sono avuti finanziamenti per iniziare esperimenti presso il laboratorio del 4°Reggimento Scorpione

 

L’esperimento aveva come fine quello di costruire un generatore di ultrasuoni che fosse in grado di generare il collasso nucleare senza i problemi degli esperimenti precedenti fatti in U.S.A.

Si è lavorato molto per perfezionare la macchina, ad esempio gli anelli verdi del sonotrodo cavitatore in foto, servono per il suo raffreddamento in modo che rimanga accordato in.frequenza.

Risultati stupefacenti, infatti non ci sono state emissioni di raggi gamma, ma sono state rilevate delle metamorfosi nucleari dove ad esempio parte del Torio si è trasformato in Piombo.

Processo funzionante prima sui liquidi e poi suo solidi. Da soluzioni a base di Ferro a barre di Acciaio, dove in una foto si può vedere una zona forata dove ce stata una fuoriuscita di neutroni e nei fori è stato rilevato un cambiamento di composizione atomica.

Tutto questo guardando i grafici in cui però si vede il massimo dell’assimetria, anisotropia e asincronia.

 

Basta usare gli strumenti che già abbiamo e continuare la ricerca e si può arrivare a capire meglio questi processi.

 

C'è stato poi l’intervento di un senatore di Sinistra Italiana che oltre a fare riferimento ad una “sana competizione” e al santo padre ha parlato dei problemi legati alla non distribuzione dell'energia al mondo, problema che crea flussi migratori.

 

Ubundu legge la relazione (qui) di Bartolucci, sui vari tipi di elettrodi.

Il fatto che le trasmutazioni rilevate ormai in centinaia di esperimenti (come il mio qui), sono indice di reazioni nucleari e nn chimiche.

Sono sempre preferibili radiazioni non dannose tipo alfa e beta, e mai le gamma o i raggi x invece pericolosi, che in questi casi  però nn ci sono.

Questo paradossalmente è un problema per la fisica nucleare classica in cui se ci sono reazioni di tipo nucleare (sia fissione che fusione), ci devono per forza essere anche queste emissioni elettromagnetiche ad altissima frequenza ed energia.

Inoltre altro problema di questi esperimenti è spesso l’inriproducibilità, l’instabilità e inaccuratezza…..Oltre ad un assenza di base teorica.

 

Ma la scienza ha sempre progredito partendo da verifiche e osservazioni di fenomeni non ancora spiegati.

 

Il Ferro è il materiale con più energia disponibile (nel senso che dividendo l’energia per il peso è quello che ne ha di più), dovrebbe essere quindi il materiale meno indicato invece in questo caso è quello migliore per queste reazioni.

Si ricorda l’ultima conferenza di Giuliano Preparata del 14/12/1999, di come sia stato trattato (è possibile trovare spezzoni di interviste anche sulla puntata di REPORT - RAI 3 dell’epoca).

Viene poi fatta una breve storia della struttura delle rivoluzioni scientifiche (Kuhn).

Zhadiu ( ? fisico Russo), parla di Galileo Galilei, Fermi e Giuliano Preparata come gli scienziati più importanti, ma considerati dalla Scienza quasi come criminali cosa che ricorda la sacra inquisizione…

Nel 2004 venne fondata anche l’Associazione Fisica di Frontiera di Giovanni degli Antoni (grandissimo accademico e informatico italiano, con cui ho avuto anche il piacere di parlare sul tema dell’energia alternativa e che mi ha spronato a continuare sulla strada della verità e della consapevolezza per tutti.).

Parla del Prof.Stremmenos (che ho avuto la fortuna di conoscere), Piantelli e Focardi e altri ancora che hanno fatto da apripista su questi temi.

 

Poi ancora si è parlato di LEDA (Laboratori di Elettro Dinamica Avanzata), dello studio sulle cellule in natura capaci di effettuare Trasmutazioni a bassa energia e poi del Villaggio Globale attraverso il quale divulgare queste conoscenze.

 

Un certo Piero Quercia poi parla di batterie che accumulano radionuclidi in cui però le ricerche non sono andate avanti.

 

Stefano Pisa parla di reattori nucleari per fornire energia ai dissalatori, usando dei sommergibili…. (che invasati sti pro-nuclearisti).

 

Poi si parla di Ralstonia, un tipo di proteobatteri per la conversione di materiali da esseri viventi

 

Abundu interviene nuovamente per parlare brevemente a nome di Flavia de Vincenzi di un apparecchio per le prove sulle LENR

Energia Roma 1 Energia Roma 2

Eneria Roma 3

Arriva poi il turno del Dott. Francesco Celani, scienziato che dice che molte delle sue scoperte sono state viste per “sola “ fortuna (presentazione), infatti è iniziato con il vedere che una termocoppia di tipo J (di ferro- costantana cioè CU-Ni-Mn) a cui inavvertitamente era stata fatta attraversare da un’alta corrente in un tubo contenente idrogeno, ha causato aumenti di temperatura anomali.

La stessa protezione di fibra di vetro dela termocoppia ha contribuito al funzionamento.

La Costantana che funge da catalizzatore ha uno dei più alti valori di energia (fa vedere delle tabelle).

Costantana1 Costantana2

 

 

 

 

 

 

Costantana3 Costantana4

Per passare da H2 ad H ci vuole energia e la costantana come si vede ha il più alto valore in eV (3.164 contro i 0,424 del Palladio). Ma liscia funziona poco, bisogna aumentare la superficie (si sono usati anche dei nodi), andando oltrre i 600°C con impulsi anche di Kilo Ampere per 50msec non si rompe e si generano rendimenti che come si vede nel grafico arrivano al 120%!

 

Con altri esperimenti dove si sono usate quindi delle polveri per aumentare la superficie, bisogna però impedire l’effetto di sintering (vedi esperimenti di Arata).

Si è usato poi del filo di 200um con soli 10-20um di materiale “attivo”, con la fibra di vetro avvolta (altro colpo di fortuna) si riesce ad assorbire l’idrogeno atomico ma non molecolare e abbassando la pressione aumenta la ricombinazione.

Ferro e Potassio assieme (Permanganato di Potassio) fanno da benzina sintetica però il catalizzatore si rovina.

Magnesio e Potassio stabilizzano invece la reazione.

Con miscele di Idrogeno e Deuterio e gas inerti come lo Xenon si hanno dei C.O.P. anche maggiori di 2, in cui con 70 watt di ingresso si sono ottenuti 145 Watt in uscita.

(l’effetto della curva sembra quella del Diodo Zener).

Parla poi nuovamente ma da solo il Prof.Fabio Cardone, dice che se c’è un fenomeno nuovo, questo deve avere un nuovo nome.

Il termine Trasmutazione è legato all’Alchimia e a c ”classiche” reazioni nucleari, in cui la trasformazione di un atomo ne avrà un altro sempre radioattivo.

Ma qui è diverso quindi si dovrebbero chiamare: “Metamorfosi Nucleari”

L’angolo con cui l’energia degli ultrasuoni entra a contatto del liquido (o solido) è importante come si vede dall’immagine.

Metamorfosi Nucleare

Per vedere i Neutroni uno dei metodi è prendere un metallo come l’Indio e si mette davanti alla fonte, se togliendolo vedo raggi gamma allora il sistema ha emesso Neutroni cioè è radioattivo.

Ma in questo caso anche se ci sono Neutroni questa cosa non succede ! (Sezione d’urto).

Per questo negli anni passati è stato così difficile capire cosa stava succedendo.

Hanno quindi usato altri sistemi per la rilevazione di Neutroni.

Mi ha colpito il fatto che per ogni esperimento siano state fatte da 2 a 4 verifiche diverse sia per i Neutroni che per la verifica di Metamorfosi nucleari (per la misura di Neutroni ne esistono 4) e che abbiano dato sempre gli stessi risultati.

 

Parla poi Carpinteri (collaboratore di Cardone), contestato in passato per voler insistere sulle reazioni piezonucleari anche quando presidente dell’INRIM (Istituto Nazionale Ricerca di Metrologia), con una presentazione dal titolo: “Vibrazioni dei Nanomateriali a frequenze di TeraHertz (infrarossi lontani) Evoluzioni Geodinamiche Fracto-emissioni precursori sismici (documento).

 

Un interessantissima presentazione, in cui partendo da studi geologici sulla variazione della composizione atomica del terreno in miliardi di anni, dove incrociando dei dati si è scoperto un impoverimento del Ferro e del Nichel sulla Terra nelle ere primordiali contro un aumento del Silicio e dell’Alluminio e Carbonio nelle ere più recenti con bilanci precisi a meno dell’1 per mille.

Sostanzialmente perchè ci sono delle “Fissioni”, da atomi più pesanti si passa ad atomi più leggeri, proprio come nelle reazioni piezonucleari di fissione, si potrebbe dedurre che ci sono state metamorfosi nucleari naturali sul lunghissimo tempo che hanno cambiato le percentuali dei principali composti della crosta terrestre e dell’atmosfera.

I Neutroni emessi in queste reazioni sui liquidi a base ferrosa e acciai sono 2,5 volte più numerosi di quelli per equivalenti nucleari, nel caso del Granito 10 volte e nella Magnetite ben 1000 volte.

Su questa base poi si è ragionato sul fatto che durante gli eventi sismici sopra a 1,8 della scala Richter si ha emissione Neutronica rilevabile, così grazie ad una stazione ad oltre 100 metri sotto terra di rivelazione di infrasuoni, campi elettromagnetici e neutroni, si è riscontrata una correlazione su 31 sciami sismici (fino al 3° Grado) tra queste misure e gli eventi sismici, talmente ripetibile che sarebbe possibile anticipare le scosse fino ad alcune ore prima tramite le emissioni acustiche (infrasuoni), e 2-3 giorni prima tramite le emissioni elettromagnetiche a bassissima frequenza e addirittura 5-6 giorni prima tramite l’emissione di Neutroni.

Come si vede dalle foto (purtroppo scarse ma che trovate anche nella PRESENTAZIONE), i grafici sono praticamente identici ma solo anticipati.

Vibrazioni Nanomateriali1 Vibrazioni Nanomateriali2

Con un analisi statistica ci si potrebbero aspettare 10 e+10 Neutroni per una scossa del 9° grado della scala Richter.

In questa ed altre analisi rispetto al passato si è specificato di aver tenuto conto del “Rumore di fondo” viste alcune critiche passate.

 

Poi c’è stato un intervento, di Giuseppe Mascelli che ha parlato di Intelligenza, anelli temporali (Crononi), di Stringhe e di proporre forme matematiche nuove… Qui mi sono un po perso ma per chi interessa (come per alcuni altri interventi) oltre al documento ho qualche contributo vocale registrato.

 

E’ stata poi la volta di Ubaldo MastromatteoQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo." onclick="window.open(this.href,'','scrollbars=yes,resizable=yes,location=yes,menubar=yes,status=yes,toolbar=yes,left=0,top=0');return false;"> (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.) che ha parlato di Trasmutazione (o Metamorfosi) dei materiali attraverso scariche di Plasma e o con luce Laser (documento).

Andato in pensione dopo 38 anni lavorati in ST Microelectronics ha fondato l’Associazione A.R.G.A.L. Associazione per la Ricerca della Genesi delle Anomalie LENR che  si propone di investigare attraverso varie metodologie sperimentali, le condizioni di attivazione di tali anomalie.

 

Fatta un' Analisi di una barra di Nichel che inserita in un reattore di Acciaio con Idrogeno ha dato eccessi di calore.

Accenni di Teoria di Elettrodinamica Quantistica.

Usando Laser a 405nm su 1cm2 o Laser a He-Ne su una superficie di 1cm2, si riescono a modificare i materiali anche senza il Deuterio al posto dell’Idrogeno.

 

E’ stata poi la volta di Cirillo e Iorio, (presentazione) ricercatori indipendenti che personalmente seguo dai loro primi esperimenti e conferenze (nel 2004 a Grottamare) in cui usando elettrodi di Tungsteno (vedi esperimento giapponese riportato all ICCF7), in soluzione conduttiva, dopo le analisi si riscontrano in modo ripetibile sull’elettrodo del catodo gruppi di atomi di oro e Renio, prima non presenti ne nella soluzione ne sugli elettrodi. Anche facendo analisi delle soluzioni salini in Laboratori diversi.

Parlano dell’Azione del Plasma con Scariche e Bagliore (come il mio esperimento qui),

Dopo le prime ipotesi che potessero essere prodotti Neutroni che erano la causa di eventuali “Metamorfosi”. Nelle soluzioni si sono trovati Silicio e altri materiali prima inesistenti e 51ppm di oro in soluzione.

Cirillo dice che bisogna ristudiare l’atomo perchè non è proprio così come lo conosciamo.

Per verificare queste anomalie nucleari si sono autocostruiti dei Dosimetri esposti al reattore per 500 secondi.

Inoltre per verificare con precisione le anomalie energetiche, dopo aver costruito dei filtri anti induttivi per ridurre gli errori di misura della potenza si sono usati anche dei calorimetri a flusso. (per dare un peso esatto ai consumi hanno messo un sacco di filtri…).

Infine prima della tavola rotonda ha parlato il prof. Alessandro Burgognoni, fondatore di Open Power e che grazie anche agli studi di Cirillo e Iorio dopo il primo Reattore Athanor hanno realizzato il secondo l’Hydrobetatron.

 Conclude dicendo "Per evolvere dobbiamo ridurre l’energia"

 

Mie Conclusioni

 

Mi ha fatto piacere vedere tanta collaborazione su questa materia, purtroppo vedo in questo tema le stesse difficoltà che sto incontrando sulla Bobina BAC e che ci sono su tanti altri temi da parte della scienza ufficiale che non si accontenta di rendere impervio il percorso di questi sperimentatori, ma li tratta come ciarlatani o come va di moda dire adesso “bufalari”.

Infatti mentre potrei capire lo scetticismo sulle anomalie energetiche incostanti (anche se io stesso le ho misurate e su queste misurazioni, qualche conoscenza ce l’ho), non capisco perchè davanti all’evidenza di più tipi di prove di più laboratori certificati e in modo ripetibile sugli stessi campioni in cui si trovano trasmutazioni (o metamorfosi) nucleari, si continui ad andare avanti come se queste cose non esistessero.

E’ già di per se una rivoluzione scientifica che meriterebbe molta attenzione e se solo un millesimo di quello che viene investito per l'ITER o al CERN per la fusione “calda” per trovare particelle sempre più piccole, venisse investito in questa direzione sono convinto che queste tecnologie sarebbero già mature per migliorare la società, ma non solo non si vuole, si fa anche finta che tutto ciò non esista.

Come quando mi sono sentito dire da un Fisico Nucleare che la reazione che gli avevo fatto vedere è “esotica”, e allora ? Non è il caso di approfondirla ?

O Siti “antibufala” magari legati alle grandi lobby che ti vengono a dare dell’impostore su una cosa dove non ci può essere truffa e senza neanche aver fatto delle prove e aver capito di cosa si stia parlando.

Il problema è che ti costringono a rimanere una setta, come quando uno scienziato di fama mi ha detto che i nostri esperimenti sono interessanti ma che li dobbiamo far analizzare da più laboratori indipendenti, e sto cavolo ! Noi mica li abbiamo i soldi, voi con l’Università ci mettereste solo pochi mesi, però avete paura di esporvi, così dobbiamo metterci faccia e soldi noi e così sappiamo come va a finire visto che non siamo nessuno….

Oppure quando ti dicono che è impossibile accreditare una taratura di una nuova macchina nuova macchina non perchè non funzioni ma perchè ci sarebbe troppa burocrazia e ci vorrebbero anni….….

Vorrei proprio vedere tutti i certificati delle attrezzature sperimentali all'ITER e al CERN quanto siano accreditati….ma nessuno metterebbe in discussione i dati.

Eppure la stessa fisica e l'astronomia ci dimostrano che circa il 90% della materia e dell'energia dell'universo non sappiamo ancora cosa siano e quindi dovremmo essere molto più aperti nel capire e nello sperimentare.

Mi spiace per lo sfogo, ma tutte le volte che cerco di approfondire alcuni temi mi trovo in queste situazioni, dove da un lato ho delle evidenze (se pur sperimentali) e dall'altro delle negazioni da chi invece dovrebbe studiare queste cose, insomma ho sempre pensato che i raffronti con Galileo fossero forti, ma probabilmente mi sbagliavo, cercare di cambiare le cose anche senza nessun fine economico è sempre più difficile in un mondo così burocratico, competitivo e poco creativo.

Per cui ben vengano le collaborazioni, i progetti open source e tutte quelle metodologie che facciano partecipare più persone possibile mettendole in Risonanza come diceva Emilio Del Giudice, come appunto la sperimentazione di comunità che facciamo con la Bobina o il semplice lavoro sulla consapevolezza che per fortuna sempre più associazioni o semplici volenterosi fanno tutti i giorni.

 

 

Buona sperimentazione a tutti voi !

 

Video intervista prodotto da ARACNE TV  

 

 

Atti del convegno qui:

 

Riccardo Tonelli