Altre Curiosità

Giornata di ricerche nei luoghi d'energia

09/09/2012

Val Vestino – Lago di Garda                            17 Agosto 2012


Paolo Donati (Libero Ricercatore Radiestesista collab. Spazio Tesla), Laura Groppi (Spazio Tesla), Alberto Negri (Spazio Tesla)

 

Se ci fossimo accordati non andava di certo così, quando chiamai Paolo per fissare la data delle ricerche di Radiestesia nell’Alto Garda, la data di Venerdì 17 è uscita così.. per caso; cartina, navigatore alla mano e via.. si parte per la giornata di misurazioni.

 

Ore 11.40
Prima tappa della nostra giornata di ricerche è il Santuario della Beata Vergine del Rivi (detta anche del Rio) al termine del piccolo abitato di Renzano piccola fraz. a 3 Km da Salò  all’interno del bosco. 1708201212917082012132Si narra che nel 1700 la popolazione del luogo vivesse nel terrore di un ingrossamento del torrente locale, pare che ai pastori del luogo apparve la Beata Vergine all’interno della grotta di tufo a cornice della bella cascata, fu così che per ringraziamento alla Madonna venne eretto il Santuario.
Qui le prime misurazioni energetiche e con nostra meraviglia e compiacimento, Paolo misura nel punto preciso dell’apparizione la potenza di 18000 unità Bovis; 17082012137 vi assicuriamo che il luogo è davvero “magico” passatemi il termine.. pace e benessere spirituale permeano l’individuo; all’interno della Chiesa la potenza è pari a 14000 unità Bovis, troviamo una vena che transita sotto la navata centrale 17082012141
http://www.parrocchiadisalo.it/duomo-salo.php/p-4x1x129/evento-11/Madonna-del-Rio.htm

 


 

Ore 11.55
Sulla Via del ritorno verso la SS45 Bis (Salò – Riva) ci fermiamo in Renzano dov’è situata la Chiesetta dei  Santi Nazaro e Celso sempre facente parte del Santuario di S.Maria Annunziata, anche in questo tempio vi è energia e la potenza è pari a 14000 unità Bovis qui Paolo rileva due corsi che si incrociano al centro della chiesa.
http://www.parrocchiadisalo.it/duomo-salo.php/p-4x1x129/evento-5/S.-Nazaro-e-Celso-a-Renzano.htm

 


 

Ore 12.15 da Salò a Gargnano per la Val Vestino
La Val Vestino è raggiungibile costeggiando la Gardesana Occidentale, lasciata la SS 45 si imbocca la SP 9 all’interno dell’abitato di Gargnano, appena prima della Chiesa di S. Martino; l’irta salita ci apre un paesaggio tra ulivi, ginestre, oleandri, castagni e faggi.. sotto di noi lasciamo il lago di Garda che sembra sempre meno lacustre ed assume toni quasi marittimi.

 


 

Ore 13.20
Ci fermiamo alla prima fonte energetica (sono tre in totale) citate da numerosi testi e dall’Istituto Cosmos (centro di ricerche spirituali e naturalistiche) http://www.istitutocosmos.it/ 17082012142 l’acqua del Bolà – Cino17082012147, sgorga a destra della SP9 in un piccolo colatoio, qui misuriamo potenza pari a 18000 unità Bovis. 17082012148 Per motivi di tempo e scarse informazioni sulle restanti fonti, decidiamo di consumare un frugale pranzo per poi proseguire in direzione Turano di lì lasciata la SP9 si prosegue sulla SP113; si transita in loc. Persone, sempre più su.

 

 


 

Ore 15.10
Siamo a quota 998 Mt slm a Valvestino – Moerna, alla nostra sinistra scorgiamo il colle di San Rocco che ospita l’omonimo Oratorio 17082012157 un luogo di ristoro  attrezzato e molto accogliente, ed un Centro del Benessere.
Luogo pieno di spirito e pace questo colle che guarda i monti verso il Lago di Garda; la piccola Chiesetta molto raccolta e semplice, ospita al suo interno un dipinto del Santo che scorgiamo dalle finestre, purtroppo l’ingresso è chiuso ma l’uscita non è invano; le misurazioni di Paolo portano alle seguenti conclusioni:
Potenza Esterna zona attigua all’Abside 14000 unità Bovis
Intersezione di Due Corsi d’acqua sotto l’altare a forma di croce
Corso d’acqua parallelo navata centrale a 240 Mt di profondità
Corso d’acqua longitudinale alla navata (in prossimità dell’altare) 280 Mt profondità
Ripetitore TV a 10/15 Mt distante dalla chiesa (zona Abside) abbassa la potenza a 2500 unità Bovis

 17082012150
Certamente il ripetitore oltre al danno paesaggistico, reca di conseguenza anche un danno fisico, nonostante l’invitante seduta in pietra dietro l’Oratorio che avvicina alla meditazione ed alla piacevole vista sulla valle, alla luce delle misurazioni energetiche ci sentiamo di sconsigliare una sosta per lungo periodo.
17082012153Ma la giornata non è finita, dietro front torniamo giù verso il lago, la stanchezza non si fa sentire per ora, sembra che l’energia della Valvestino ci abbia ricaricato, la prossima meta è ambiziosa.. si chiama Il Vittoriale degli Italiani a Gardone, i luoghi del Vate ci incuriosiscono come le gesta del suo stravagante ed ardito inquilino. http://www.vittoriale.it/

 

 

 

 

 

 

 


 

Ore 16.45
Con la discrezione che contraddistingue Paolo (come sapete le misurazioni avvengono con pendolino ed archetto in acciaio), mentre la guida ci conduce nelle affascinanti e talvolta arcane stanze della dimora Dannunziana, leggiamo sulla scala Bovis  valori energetici davvero interessanti.. arriviamo a punte pari a 18000 unità Bovis. Prioriabagno-Medium

Lasciata la Prioria e quello che una volta si chiamava Museo della Guerra, saliamo verso il colle del MAS, della Nave Puglia per poi fermarci sulla sommità dove riposano le spoglie dei Legionari e quelle di D’Annunzio, Mausoleotranne il sepolcro di un soldato dove il pendolino segnala 3500 unità Bovis, tutto il resto del luogo misura Zero come pure le spoglie del Poeta Soldato. La nostra giornata sta volgendo al termine e le visita al Vittoriale ha completato le ricerche tra il Sacro ed il Profano in un caldissimo pomeriggio di Agosto 2012 ma.. non è finita…

 

 

 

 

 

 

 

 


 

Ore 19,30
Da informazioni raccolte in Salò, 17082012158ci segnalano che proprio a ridosso del Centro Storico vi è un luogo “Omissis” non propriamente definito “positivo” anzi.. la cosa ci incuriosisce e con riservatezza ci portiamo in loco; a nostro avviso già l’aspetto architettonico non è dei più intonati con il contesto storico culturale, ma qui noi dobbiamo cercare ben altro.17082012159
La storia narra che il sito in questione era un Convento di Monache Benedettine, a questo punto le notizie divengono leggermente confuse sullo stato dei passaggi di proprietà e di dismissione della struttura ecclesiastica, sta di fatto che oggi sorge in quel punto un corposo complesso misto residenziale-commerciale; quello che ci ha stupito inoltre è la presenza dell’antica torre campanaria dell’allora Convento, annessa all’attuale complesso moderno, lì di vedetta come un segno del passato.
Nella fase di raccolta d’informazioni, ci viene riportata una serie di accadimenti legati al luogo, diremmo non proprio “positivi”, ma preferiamo tralasciare questo aspetto per vari motivi, non ultimi quelli di privacy; le nostre ricerche focalizzate sulle misurazioni energetiche ci portano ad una conclusione ahimè in sintonia con le notizie ricevute.. la zona è bassissima d’energia, in alcuni punti (ne saggiamo ben cinque)  rileviamo non oltre i 1500 unità Bovis (foto); come potrete ben capire lasciamo il luogo abbastanza velocemente.

 


 

Ore 20.00
Rientriamo alla base soddisfatti dei risultati ottenuti e dei luoghi visitati, ci sentiamo di consigliare l’itinerario ed i territori citati.

 

 

foto di Laura Groppi